Dunque eccoci a Bologna per il prologo di questo Giro 102. O meglio chi scrive è a Gozzano, e stamane era puntuale al Caffè della Vale, dove si sta organizzando di tutto punto l’apericena prevista per domani sera per il gruppo dei siciliani che salgono a Gozzano a rendere omaggio al Crocefisso. A Gozzano e dintorni si sa vivono molti figli di Trinacria, soprattutto della zona di Ucria comune gemellato, arrivati ai tempi della grande espansione della Bemberg e successivamente delle rubinetterie. E dunque domani tutti a far festa dalla Vale, figlia di uno di loro, prima di ripartire.

A Bologna ci sono il Conte Poroli e l’Atlante Bevilacqua al momento non inseguito da ordini di cattura, perlomeno sul territorio italiano. Dunque che Giro ci aspetta? Ce lo anticipa il Conte, direttamente dalla zona VIP del parterre del villaggio di partenza.

“Io penso sarà un Giro molto divertente. Qualità ottima, manca solo una delle tra star della Ineos, per il resto ci sono tutti. Ci sono i migliori velocisti e per Viviani sarà molto dura. Vedo bene Nibali e Doumulin perché solitamente tengo bene la distanza delle tre settimane. Poi Roglic e Yates che sono più forti ma mi lasciano qualche dubbio nell’ultima settimana. Uno di loro due sarà sicuramente in maglia rosa dopo i primi quindici giorni.”

” Poi ci sono un gran numero di sorprese più che possibili: Landa, Maika, Lopez, Zakarin, Sivakov, che sono pronti al varco nel caso che le mie prime scelte facciano errori. Penso poi che Bardiani, Androni e Nippo Fantini possano correre bene e far divertire. Spero Pozzovivo e Formolo siano in condizione. Il primo può tranquillamente arrivare nei dieci della generale”

“Mi aspetto una vittoria di tappa di Battaglin, di solito sempre puntuale al Giro. Mareckzo si ritirerà entro la fine della quinta tappa, mentre Ulissi sarà la solita, eterna, delusione.” 

“Mi piacerebbe vedere un’impresa di Masnada che se non sprecherà troppo è in grado di fare il numero.”

Questo il pensiero del Conte Poroli, davanti a un piatto di tortellini cucinato nientemeno che dal suo amico Barbieri, vedremo se ci avrà preso. Il Bevilacqua intanto mangia, beve lambrusco, Modena non è lontana e lui lo ama particolarmente, e aspetta notizia dagli avvocati in Svizzera. Noi mettiamoci davanti alla TV per questa inedita tappa preserale!