Fantastica San Marino. Luogo in cui ho abitato per lunghi periodi, quasi sempre a speso dello stato quando stavo al Carcere dei Cappuccini come vi raccontavo ieri. Dunque gran tappa e stasera, approfittando del giorno di riposo previsto per domani, gran mangiata, anche più del solito. Per chi vorrà esserci appuntamento al Ritrovo dei Lavoratori! Sentiamo ora il racconto tecnico del Conte Poroli:

Sanmarino1

“Oggi cronometro a San Marino. Chi scrive non è un amante delle corse contro il tempo però devo ammettere che quando non si esagera nei grandi giri le cronometro hanno il loro fascino. Come previsto ha vinto Roglic e escluso Nibali, per gli altri è già notte fonda.

Vincenzo si è dimostrato molto in forma e ha mantenuto il distacco entro un limite più che accettabile. Veniamo ai grandi sconfitti che per me sono Yates, Lopez e Landa. Yates ha dichiarato di aver capito gli errori commessi l’anno scorso e allora ha pensato bene di perdere tempo nella prima settimana per entrare in forma nell’ultima.

Lopez  nelle cronometro ha il suo punto debole avendo un fisico da scalatore. Landa  proprio non lo riesco a capire quando era un gregario andava più forte dei capitani, da quando può fare il capitano non va più e spesso si trova sdraiato sull’asfalto forse manca di carattere e non sopporta le pressioni.

Conti ha mantenuto la maglia rosa e si è difeso con tenacia. Una menzione particolare per Cattaneo da anni eterna promessa italiana per le corse a tappe che oggi è andato forte. Si sono difesi Masnada e Formolo e molto male il giovane Carboni per cui vale il discorso fatto per Lopez.

Passiamo a Mareckzo a cui voglio molto bene! Anche oggi però è arrivato nettamente ultimo a 13 minuti. Cosa aspettano nel suo entourage a gettare la spugna non capiscono che così gli fanno solo del male. Adesso un giorno di meritato riposo e stasera una bella cena al Ritrovo dei Lavoratori prestigioso ristorante consigliato dal nostro direttore. Il Bevilacqua non sta più nella pelle. Speriamo di non finire la serata nella struttura adiacente.

Domani tempo permettendo faremo una giornata in riviera prima di partire in serata per Modena e assaporare un bel panino col culatello con un bel bicchiere di Lambrusco. Alla ripresa ci aspettano 2 tappe per velocisti le ultime occasioni prima del ritiro in massa delle ruote veloci. poi inizierà il vero Giro e vi consiglio di non darlo per già chiuso: la stessa cosa l’abbiamo pensata l’anno passato e sapete tutti com’è andata a finire.”


Cosa aggiungere? Direi nulla. Ci risentiamo dopo la tappa di martedì, che domani mi prenderò un giorno di riposo dalle fatiche dello scrivere!